installazione di Systemd su Debian Wheezy

Ho voluto provare il “famigerato” systemd sulla mia Debian Wheezy: iniziamo ovviamente con un refresh(da root )
apt-get update && apt-get upgrade

possiamo quindi installare  systemd – inizialmente ho utilizzato la versione presente sul repository Wheezy/stable (44-11+deb7u4)
apt-get install systemd systemd-sysv
systemd-avviso
Dopo aver copiato la simpatica frase, l’installazione si e’ completata senza problemi.

A questo punto,editiamo il grub per essere sicuri di far partire systemd all’avvio:
nano /etc/default/grub
all’ultima riga ho aggiunto, (sotto alla sezione GRUB_CMDLINE_LINUX_DEFAULT ) :
init=/bin/systemd

Ho aggiornato quindi Grub:
sudo update-grub2
Dopo un reboot, Systemd e’ perfettamente funzionante.

A questo punto ho voluto provare anche la versione più aggiornata presente nel repository backport (204-14~bpo70+1); ho quindi abilitato il repository Backport
nano /etc/apt/sources.list
aggiungendo  il wheezy-backports repository in sources.list:
deb http://ftp.debian.org/debian/ wheezy-backports main contrib non-free

dopo aver salvato  digitiamo 
apt-get update
infine  installiamo la versione presente nel repository backport (204-14~bpo70+1):
apt-get install -t wheezy-backports systemd systemd-sysv

Dopo il reboot avremo il nostro systemd funzionante ; considerazioni: il sistema al riavvio sembra essere, nel mio caso, leggermente più veloce.

Di seguito alcuni utili comandi funzionanti in Systemd:

systemctl
Per vedere tutti i servizi attivi

systemd-analyze
Mostra il tempo impiegato dal  kernel, il tempo utilizzato dall’initial RAM disk (initrd) per entrare nella schermata utente + il tempo normale che il sistema userspace ha utilizzato per inizializzarsi.
Teniamo presente che queste misurazioni  misurano semplicemente il tempo trascorso fino al punto dove tutti i servizi di sistema sono stati generati, ma non necessariamente fino a quando hanno finito completamente l’inizializzazione.
systemdanalyze
systemd-analyze blame

un elenco di tutte le unità in esecuzione, ordinata in base al tempo che hanno impiegato i servizi a partire. Queste informazioni possono essere utilizzate per ottimizzare i tempi di avvio, per esempio possiamo disabilitare l’avvio di un servizio (systemctl disable foo.service) di cui magari non abbiamo bisogno e che richiede molto tempo ad avviarsi.
Si noti che il risultato potrebbe essere fuorviante ; ad esempio il tempo di start di un servizio potrebbe apparire lento semplicemente perché attende che l’inizializzazione di un altro servizio sia completa.
systemdanalyzeblame
systemctl start foo.service

attivare un servizio immediatamente: (sostituire  foo.service con un servizio reale):

systemctl stop foo.service
Disattivare un servizio immediatamente

systemctl restart foo.service
Riavviare un servizio

systemctl status foo.service
Mostra lo stato di un servizio o se è avviato o meno

systemctl enable foo.service
Abilitare un servizio per fare in modo che parta all’avvio

systemctl disable foo.service
Disabilitare un servizio all’avvio

systemctl is-enabled foo.service; echo $?
Verificare se un particolare servizio parte o meno all’avvio

 

Questa voce è stata pubblicata in Gnu-Linux. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *